civate
il comune di Civate presenta
4seasons

Il Portale della Cultura
e del Tempo Libero
del Comune di Civate

marchio

oasi

Nome: ASSOCIAZIONE OASI DAVID ONLUS

Anno di fondazione: 1998

Sito web: www.oasidavid.it

Recapiti: Piazza della Chiesa, 9 - 23862 Civate (LC)
Tel. 0341 550711 - fax 0341 210773
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Responsabile/Presidente: Ilaria Rocco

Di cosa si occupa: L’Associazione promuove lo sviluppo e la crescita dei ragazzi (e non solo) proponendo iniziative di carattere spirituale (ritiri, giornate dello spirito, cammini vocazionali) in un ambiente unico nel suo genere, la casa dell’Oasi David, per una crescita umana e spirituale guidata dalla riflessione sulla vita di Davide.
Organizza incontri di riflessione e confronto su temi educativi, con il desiderio di sensibilizzare i genitori e i ragazzi ad una cultura della famiglia e dell’accoglienza.
Contribuisce al pagamento di una retta a favore di un bambino accolto alla Scuola dell’Infanzia E. Nava di Civate (Lc).

Breve storia: L’Associazione Oasi David Onlus è nata nel 1998 per iniziativa di Don Mario Longo.
L’Oasi David intende offrire un tempo, un luogo e soprattutto delle persone che possano dare sicurezza, serenità e fiducia a tanti ragazzi, facendo in modo di far vivere loro la stessa esperienza di Davide – “amato da Dio” – sconfiggendo il gigante Golia, cioè il mondo circostante con i suoi problemi e le sue paure.
L’Associazione promuove lo sviluppo e la crescita dei ragazzi proponendo iniziative di carattere spirituale (ritiri, giornate dello spirito, cammini vocazionali): si offre a tutti i bambini, i ragazzi e i giovani – e non solo – la possibilità di trascorrere un fine settimana in un ambiente unico nel suo genere, la casa dell’Oasi David, per una crescita umana e spirituale guidata dalla riflessione sulla vita di Davide, attraverso momenti di preghiera comunitaria e di adorazione.
Vengono organizzati anche momenti e incontri di riflessione e confronto su temi educativi, con il desiderio di sensibilizzare i genitori e i ragazzi ad una cultura della famiglia e dell’accoglienza.
Il progetto che si vorrebbe attualizzare è quello della cosiddetta “banca del tempo”: i volontari dell’Associazione, sostenuti dall’operato di un educatore, sono chiamati a mettere a disposizione del tempo per venire incontro ai bisogni e alle esigenze del territorio, con particolare attenzione alle problematiche familiari in cui c’è la presenza di minori in difficoltà.